Associazione Cineforum Domodossola

 
z

26^ STAGIONE  -  2011/12

z
  Data Titolo Regista Interpreti Durata Naz.  Anno  
z
  1 01-Dic The social network D. Fincher A. Garfield - J. Eisenberg 120' USA 2010  
  2 15-Dic Le donne del 6° piano P. Le Guay F. Luchini - C. Maura 106' FRA 2011  
  3 12-Gen Hereafter C. Eastwood M. Damon - C. de France 129' USA 2010  
  4 19-Gen Un gelido inverno D. Granick J. Lawrence - J. Hawkes 100' USA 2010  
  5 26-Gen Tamara Drewe S. Frears G. Arterton - R. Allam 111' GB 2010  
  6 02-Feb Il discorso del re T. Hooper C. Firth - G. Rush 111' GB 2010  
  7 09-Feb Offside J. Panahi S. Mobarak - S. Samandar 88' IRAN 2006  
  8 16-Feb Il gioiellino A. Molaioli T. Servillo - R. Girone 110' ITA 2010  
  9 23-Feb Il Grinta J. E. Coen J. Bridges - M. Damon 110' USA 2010  
  10 01-Mar La versione di Barney R. Lewis P. Giamatti - D. Hoffman 132' CAN 2010  
  11 08-Mar The next three days P. Haggis R. Crowe - E. Banks 122' USA 2010  
  12 15-Mar The town B. Affleck B. Affleck - R. Hall 120' USA 2010  
  13 22-Mar This must be the place P. Sorrentino S.Penn 118' ITA 2011  
  14 29-Mar In un mondo migliore S. Bier M. Persbrandt - T. Dryholm 100' DAN 2010  
  15 12-Apr Another year M. Leigh J. Broadbent - R. Sheen 129' GB 2011  
  16 19-Apr Cosa voglio di più S. Soldini P. Favino - A. Rohrwacher 126' ITA 2010  
  Film Extra Omaggio  
    26-Apr Le idi di Marzo G. Clooney G. Clooney 99' USA 2012  
     
                   

I risultati dei sondaggi della stagione 2011/12

Cinema Corso

ORARIO INIZIO SPETTACOLI: ORE 20.45

Con la collaborazione di:

   
COMUNITA' MONTANA
VALLE OSSOLA
  COMUNE DI DOMODOSSOLA
PREZZI PREVENDITA ABBONAMENTI
INGRESSO IN ABBONAMENTO: 50,00 €
INGRESSO STUDENTI SINO AD ANNI 18: 25,00 €
TESSERA PER 5 FILM: 25,00 €
-CINEMA CORSO (in orario   spettacoli)
-CASALINGHI CANUTO, VIA BRIONA

PRESENTAZIONE DELLA STAGIONE


La stagione 2011/12 del Cineforum (la 26^!) parte, come avete visto, in ritardo rispetto al consueto avvio di metà novembre, e penso anche che sappiate i motivi.
E’ stato a lungo incerto addirittura se la stagione potesse decollare.
E anche di questo, immagino conosciate i motivi: l’aumento che ci è stato richiesto in prima battuta dalla Direzione del Cinema Corso per l’affitto sala e il noleggio pellicole era assolutamente superiore al budget che l’Associazione, bilancio alla mano, potesse consentirsi.
Va detto che il bilancio 2010/11 ha visto un sostanziale pareggio solo in virtù di un contributo della Fondazione Comunitaria del VCO e dell’abolizione delle serate di approfondimento filmico e dei film offerti agli alunni delle scuole elementari; certamente positivo è stato il recupero che si è avuto rispetto alla disastrosa stagione 2009/10 (+ 12,5% di tessere intere, + 34% di tessere ridotte studenti, - 11% tessere a 5 film), ma certo non tale da poter consentire all’Associazione di sostenere l’aumento richiesto. Se abbiamo deciso di “rischiare” di fare la stagione, è stato solo in considerazione delle molte richieste (pervenute all’Associazione e al Sindaco) affinchè questa iniziativa culturale che, riteniamo, abbia dato lustro alla città di Domodossola e a tutta l’Ossola (ricordiamo che il 44% dei nostri soci non è di Domodossola), potesse non morire.
Ci ha naturalmente confortato la condivisione del problema da parte del Sindaco Mariano Cattrini, che ha seguito con attenzione e partecipazione tutta la vicenda e che ci ha garantito un contributo economico da parte dell’Amministrazione Comunale.
Veniamo ora a qualche cenno sulla stagione che andiamo ad inaugurare giovedì 1 dicembre.
Anche quest’anno la presenza maggioritaria è del cinema statunitense con 6 pellicole, seguito dal cinema nazionale e da quello inglese entrambi con 5, poi un film ciascuno per Francia, Danimarca, Canada ed Iran. Tra le pellicole americane, vorremmo menzionare: il film che inaugura la stagione, “The social network” che ci racconta la nuova versione del Sogno Americano attraverso la storia dell’inventore di Facebook, “Hereafter”, ultimo piccolo capolavoro del grande Clint Eastwood che, affronta in modo ammirabile, mai pedante o coercitivo, un tema tanto ostico e fondamentale come la morte, e “Il Grinta”, la prima volta dei mitici fratelli Coen a confronto con il western classico (è degli anni 60 l’omonimo film con John Wayne) rivisitato però con una fervida autonomia creativa.
Notevole, qualitativamente e quantitativamente, la presenza britannica: “Il discorso del re”, che ci racconta la storia di Re Giorgio VI d’Inghilterra (padre della futura Regina Elisabetta) in un modo molto accessibile al pubblico ma nello stesso tempo raffinato nella sostanza e nella confezione, “Another Year”, uno sguardo nella vita di una coppia di cinquantenni al tempo stesso crudele e estremamente affettuoso del bravissimo Mike Leigh. Il cinema italiano è affidato a due registi che sono ormai un punto fermo della nostra cinematografia: Sivio Soldini con “Cosa voglio di più”, che ci porta un'altra storia di coppia e di cambiamento immersa in un mondo di precarietà, e Paolo Sorrentino con “This must be the place”, recentissima ultima opera del regista de “Il caimano” e “Il divo”, ritratto di una rockstar in disarmo che si avvale dell’interpretazione definita “cult” del formidabile Sean Penn.
Questi sono solo brevi cenni dei film che riteniamo più significativi di questa stagione che, come avrete notato, si è ridotta, ovviamente per i motivi già esposti, a 16 film.
Mai come quest’anno abbiamo quindi bisogno del sostegno di tutti i nostri soci, vecchi e nuovi.
Non sarà una stagione facile, non sarà una stagione come le altre: abbiamo la consapevolezza che, se le cose non andranno come auspichiamo, se falliremo l’obiettivo di un pareggio economico, questa sarebbe l’ultima stagione del cineforum.

Il Presidente dell’Ass. Cineforum
Mauro Magrì